Sgurgola 
 

                

 

 
           
     
 

   • "In origine era una delle rocche che controllavano la valle del Sacco. Sgurgola (384 mt) è oggi un piccolo paese stretto attorno ai resti del suo castello.

In basso, nel fondovalle, in seguito a ricerche archeologiche è stata scoperta una sepoltura dell'Eneolitico, con un individuo seppellito in posizione rannicchiata ed ornato da tracce di ocra sul cranio, circondato da un corredo funerario.

Tale reperto, ritenuto di notevole importanza anche in relazione agli altri ritrovamenti di età preistorica avvenuti nell'Italia centrale, si trova oggi esposto al museo Pigorini di Roma.

Nelle cronache storiche, Sgurgola compare nel 1253, come feudo dei Conti di Ceccano; il paese passò in seguito ai Colonna che ne furono feudatari per molti secoli.

In paese, senz'altro meritevole di una visita è la chiesa dell'Assunta edificata nel '700. Dagli archi che si trovano alla base del massiccio campanile della chiesa (forse Torre dell'Orologio? n.d.r.), si accede al centro dell'antico borgo, ricco di case e di stretti vicoli con notevoli elementi di architettura medioevale." (Cfr. biblio 4)