Libri
 

 

 

 
   
     
 

Attilio Taggi - " Roselle de fratta ", Milano " Convivio Letterario Ed.", 1933 - XI

 
     
 

"Sgurgola non ha una tradizione letteraria considerevole. Essa si fregia del nome di Attilio Taggi, ben a ragione considerato il maggior poeta ciociaro vivente, ed appellato, maestro da una giovane schiera di sgurgolani cantori, i quali, ispirandosi alla sua arte, hanno fondato un cenacolo dal nome « Glio Sergio » con lo scopo di alimentare la poesia della piccola patria." (vedi pag. 3)

 
     
 

Attilio Taggi - " Gli fiuri de llo malo ", Roma, Staderini Editore

 
     
 

" ... Così imparai a leggere i tuoi versi, correndo via e gustandone tutte le delicate sfumature. Così ho potuto capire l'anima tua di poeta ed anche concludere che alla poesia ci siamo, a quella vera che è conforto, che è dono d'amore, che è spinta al sogno e che infine è anche bontà saggia e anelito verso la comprensione dell'Universo ..." (dalla lettera di Antonio Negri)

 
     
 

Gerum Graziani - Sgurgola nel Medioevo - 2001 - Storia di un Castello di origini Longobarde

 
     
 

"Ci siamo, più volte, domandati, al termine di questo nostro lavoro, se mettesse proprio conto di richiamare alla memoria usi e costumi ormai scomparsi, per farli conoscere alle nuove generazioni e quale giovamento, poi, esse avrebbero potuto ricavare da ricordi così lontani nel tempo, da pregi e difetti, da situazioni liete e tristi della nostra vecchia SGURGOLA e che non torneranno mai più ..." (dalla Prefazione)

 
     
 

Gerum Graziani - Sgurgola nel Medioevo - 2001 - Storia di un Castello di origini Longobarde

 
     
 

"Con il ripercorrere le vie dei secoli per ricostruire il profilo storico di Sgurgola nel suo cammino attraverso l'inquieto e tempestoso medioevo, penso di essere andato incontro ad un bisogno diffuso negli abitanti di conoscere, finalmente, questa sconosciuta, nelle sue origini, nella sua storia, nelle sue chiese e nei suoi monasteri in un particolare contesto temporale ..." (dall'Introduzione)

 
     
 

Sara Antonelli - Sgurgola tra storia e tradizioni - 2003

 
     
 

"... con l’auspicio di regalare a tutti piacevoli incursioni letterarie nei tempi ormai lontani e nelle abitudini degli abitanti di Sgurgola antica, spero di recare un prezioso contributo alla memoria e alla conservazione delle nostre radici e della bellezza artistica e culturale di cui godette in passato questo nostro paese." (dall'Introduzione)

 
     
 

Anna Ferrazzano, Paola Iecco e Natascia Temperilli - Restauro della facciata e del Nartece della "Badia della Madonna de Viano" - Comune di Sgurgola - 2004

 
     
 

"Il restauro ha riportato al suo antico splendore la facciata dell’edificio religioso e in modo sorprendente ha ridato vita agli affreschi del nartece, riportando in luce originale l'immagine del Cristo, di cui si era si persa la memoria, ritornando come testimonianza del passato di Sgurgola." (dalla Presentazione)

 
 
 
 
 

 

 
 

 
 

[ Monti Lepini Orientali ]