San Nicola
 

 

 

 
   
     
 

Difficoltà: T (facile)

 
 

Durata complessiva: +/- 1 ora

 
 

Dislivello: +/- 100 mt

 
 

Sviluppo totale: +/- 1 km

 
 
 
 
http://www.soccorsoalpinolazio.it/img/logo_cnsas_small.gif

Per tutte le emergenze in zone montane, impervie o in grotta chiama il 112-118 oppure il 3486131300

 
 
 
 

 

 
     
 

La chiesetta di San Nicola, a sud del paese, è situata intorno ai 480 mt alle pendici dei Monti Lepini.

Il nostro consiglio, per chi vuole fare una passeggiata panoramica con vista sul paese, è di fermare l'auto nel parcheggio tra via Favale e Angelo Bianchi per poi proseguire a piedi sulla provinciale monti Lepini, ovviamente è anche possibile arrivare comodamente in macchina all'inizio del percorso.

La stradina che conduce alla chiesetta è in cemento e man mano che sale diventa ripida e scivolosa in caso di pioggia. Si consiglia l'uso di scarpe adeguate ... 

Recentemente (aprile 2016) si sono conclusi i lavori di recupero della chiesetta con la costruzione, ex novo, di una gradinata nella parte finale che ne agevola la risalita. 

Di fronte l'ingresso principale della chiesetta si trova l'entrata dell'omonima grotta. Lunga  una decina di metri, a decorso orizzontale, si raggiunge facilmente il muro di fondo costruito  sicuramente per arginare l'acqua, che è a flusso intermittente, in modo da sfruttarla il più a lungo possibile.

   • "San Nicola è un edificio arroccato su uno sperone roccioso alle pendici della catena dei monti Lepini. La chiesa è da lungo tempo in disuso, della costruzione rimangono solo i muri perimetrali che individuano un' aula rettangolare suddivisa in due campate coperte da crociera di cui rimangono solo le imposte. La chiesetta risale al XIII secolo, di singolare la costruzione presenta le tracce evidenti di un ambiente sottostante il livello del pavimento dell' aula principale che occupa, interamente, l' area della campata anche esso coperto a crociera. Quest' ambiente, cripta o forse chiesa inferiore, è fornito di un piccolo ingresso indipendente sul lato destro in diretta comunicazione con la fonte di acqua sorgiva. Sulla parete frontale c' è un portale sormontato da una lunetta che in passato doveva recare qualche affresco ". (Progetto " Animazione Culturale e Turistica ", Sgurgola-Percorso monumentale, 1990, A.i.b.V.d.S.)

   • San Nicola: chiesa  o  Monastero
L’edificio che viene indicato come “chiesa di San Nicola”, parzialmente avvolto dall’edera e dalle sterpaglie per  l’abbandono in cui è stato  lasciato, si eleva vetusto e solitario a  sud-est di Sgurgola su un aspro e scosceso spuntone di roccia delle falde della montagna  della catena  dei Lepini, a  picco nel vuoto sottostante ove  si scarica,  con  un salto  di  oltre  dieci metri, il  ruscello di  acqua sorgiva fuoriuscente dalla vicina grotta, anch’essa denominata di “San Nicola” ... (Cfr. biblio 6)

Per ulteriori informazioni si veda: Gerum Graziani - Sgurgola nel Medioevo - 2001

 
 
 
 
   
 
 
 
 
 
     
 

 

 
 

[ Monti Lepini Orientali ]