Sprone Maraoni per Valle Cupa (dalla fonte del Peschio)
 

 

 

 
   
     
 

Difficoltà: E (media difficoltà)

 
 

Durata complessiva: +/- 4-5 ore

 
 

Dislivello: +/- 1100 mt

 
 

Sviluppo totale: +/- 11 km

 
 
 
 
http://www.soccorsoalpinolazio.it/img/logo_cnsas_small.gif

Per tutte le emergenze in zone montane, impervie o in grotta chiama il 112-118 oppure il 3486131300

 
 
 
 
   
     
 

Da Sgurgola superato il cimitero, in direzione di Morolo, dopo +/- 1,5 km si arriva alla fonte del Peschio (+/- 370 mt; coordinate: UTM 33T 347635-4613507, WGS84), la fonte non è visibile in quanto si trova al di sotto del piano stradale, sulla sinistra.

Quì parte il sentiero, ben evidente, che risale lungamente Valle Cupa fino ad arrivare al passo, nei pressi di Cima Vallecupa, non lontano dai ruderi della Casetta Martorelli (+/- 1180 mt di quota).

   • Martorelli era un imprenditore di fine '800 e la sua attività era il taglio e trasporto della legna. La carrareccia che aggira Cima Vallecupa e scende in direzione dei Prati della Valle e quella che risale verso la Piana del Lontro e poi continua verso la Guardiola (Supino), potrebbe, forse, essere opera dell'imprenditore per agevolare il trasporto della legna. Dalla casetta partiva la teleferica che faceva arrivare la legna in basso. (Cfr. biblio 1)

Si segue la carrareccia per circa un km e quando questa fa un zig-zag, la si abbandona per continuare verso sinistra, su tracce di sentiero, in direzione di Monte Ermo (1327 mt). La carrareccia, in realtà, continua fino alla piana del Lontro e rappresenta, eventualmente, la via di ritorno.

Poco prima di Monte Ermo si incontra, evento raro data la natura carsica del terreno, un piccolo specchio d'acqua. Proseguendo in cresta, su terreno accidentato, si raggiunge prima la cima di Sprone Maraoni (1328 mt) e poi, non lontano, la sua croce.

Nelle giornate nitide lo spettacolo è notevole.

 
 
 
 
   
 
 
 
 

 
 

[ Monti Lepini Orientali ]