Sprone Maraoni (per monte Filaro)
 

 

 

 
   
     
 

Difficoltà: E (media difficoltà)

 
 

Durata complessiva: +/- 5-6 ore

 
 

Dislivello: +/- 1000 mt

 
 

Sviluppo totale: +/- 15 km

 
 
 
 
http://www.soccorsoalpinolazio.it/img/logo_cnsas_small.gif

Per tutte le emergenze in zone montane, impervie o in grotta chiama il 112-118 oppure il 3486131300

 
 
 
 
   
     
 

Parcheggiata l'auto sulla provinciale Monti Lepini, all'altezza di via Favale, nei pressi della tabella informativa (coordinate: UTM 33T 345372-4614649, WGS84), si prosegue sulla stradina che rapidamente inizia a salire e dopo alcuni tornanti raggiunge un bivio. Proseguendo in piano si va in direzione della Fonte dell'Acero, mentre a sinistra si sale verso la chiesetta di San Leonardo. Il sentiero si inerpica, si restringe e seguendo un percorso a zig-zag risale una zona scoperta e panoramica fino ad arrivare alla Fonte San Leonardo.

Con una breve deviazione è possibile visitare la chiesetta del XIII secolo.

Dalla fonte si continua sulla destra, in leggera salita per un breve tratto, si supera il bivio per la Fonte dell'Acero (+/- 740 mt) ed al bivio successivo si prende a sinistra (indicazioni per il rifugio, Madonnina). Si prosegue in salita, traversando, fino ad una zona aperta sulla cresta del monte. Superata la deviazione che, a destra, scende verso Valle Forana, si continua in cresta e dopo meno di un km si raggiunge, in leggera discesa, il rifugio Santa Maria (926 mt).

Dal rifugio il sentiero risale nel bosco per poi traversare a sinistra, in zona scoperta, nei pressi della deviazione per la Madonnina (punto panoramico). Si continua per Monte Filaro (1230 mt) rientrando per un breve tratto nel bosco (non segnato, tracce di sentiero) per poi riuscire allo scoperto, in uno dei tratti più ripidi dell'intero percorso, fino a raggiungere la cima. Seguendo l'ampio crinale si scende leggermente, in direzione dei ruderi della casetta Martorelli, ad incrociare i resti dell'antica carrareccia, realizzata dall'imprenditore a fine '800 per il trasporto della legna.

La si segue per circa un km e quando questa fa un zig-zag, la si abbandona per continuare verso sinistra, su tracce di sentiero, in direzione di Monte Ermo (1327 mt). La carrareccia, in realtà, continua fino alla piana del Lontro ... ma il panorama non sarebbe lo stesso!

Poco prima di Monte Ermo si incontra, evento raro data la natura carsica del terreno, un piccolo specchio d'acqua. Proseguendo in cresta, su terreno accidentato, si raggiunge prima la cima di Sprone Maraoni (1328 mt) e poi, non lontano, la sua croce.

Nelle giornate nitide lo spettacolo è notevole.

 
 
 
 
   
 
 
 
 

 
 

[ Monti Lepini Orientali ]